In Evidenza
E' uscito il nuovo volume della Fondazione RES

"La Storia del Banco di Sicilia"

a cura di Pier Francesco Asso,
edito da Donzelli Editore 

Leggi l'articolo su StrumentiRes


E' online il numero XVI di

Scarica il rapporto

Esce il 6 marzo 2016 il Rapporto RES

"L'università in declino"

Vai alla scheda

Scarica l'appendice online del volume -

News

Pubblicato il volume "Mafie del Nord. Strategie criminali e contesti locali"

Vai alla scheda

Messaggio
  • Direttiva UE sulla e-Privacy

    Questo sito web utilizza dei cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e altre funzioni. Cliccando sul pulsante in basso acconsenti all'attivazione di tali tipologie di cookies da parte di questo sito.

    Leggi la direttiva UE sulla e-Privacy

Da Giugno 2014 in vendita in tutte le librerie italiane il volume:

Collaborare per crescere

La cooperazione tra imprese al Nord e al Sud

Copertina Alleanze nell'ombra

Rapporto di ricerca 2013 della Fondazione Res

A cura di Pier Francesco Asso

e Emmanuele Pavolini

Donzelli Editore

 

 

 

 

 

 

Dove si diffonde un sistema di relazioni cooperative, le imprese sperimentano una più elevata crescita economica ed entrano con maggiore successo nei mercati internazionali. Tali tendenze sono state spesso richiamate soprattutto in questi anni di grave crisi economica e vengono confermate anche da questa ricerca della Fondazione Res, curata da Pier Francesco Asso e Emmanuele Pavolini. Ma a che cosa è legata la propensione delle imprese a cooperare? Perché la collaborazione è così «difficile»? Esistono differenze territoriali importanti che distinguono le imprese del Sud da quelle del Nord? Quali sono le attitudini a collaborare delle imprese meridionali e siciliane in particolare? E quali i risultati in termini di maggiore produttività e più brillanti performance aziendali? Il volume, che ha beneficiato del contributo di esperti e ricercatori qualificati, cerca di rispondere a queste domande e di mostrare le ragioni delle difficoltà incontrate dalle imprese. L’obiettivo è quello di elaborare misurazioni quantitative e di entrare nel vissuto degli imprenditori per individuare quali elementi – fiduciari, relazionali, culturali, o, più generalmente, politico-istituzionali – ci aiutano a fare luce sulle differenti propensioni a collaborare e a intessere reti di relazioni. Ne viene fuori un quadro composito in cui la fiducia, alcuni vincoli legati alle esperienze o alle percezioni degli imprenditori, ma anche il funzionamento delle amministrazioni pubbliche, influenzano la propensione delle imprese a stringere collaborazioni. Un quadro in cui, comunque, sono soprattutto le imprese più aperte e collaborative a mostrare segni di vitalità evidenti e caratteristiche aziendali del tutto in linea con quelle che operano nei territori economicamente più avanzati.