In Evidenza
E' uscito il nuovo volume della Fondazione RES

"La Storia del Banco di Sicilia"

a cura di Pier Francesco Asso,
edito da Donzelli Editore 

Leggi l'articolo su StrumentiRes


E' online il numero XVI di

Scarica il rapporto

Esce il 6 marzo 2016 il Rapporto RES

"L'università in declino"

Vai alla scheda

Scarica l'appendice online del volume -

News

Pubblicato il volume "Mafie del Nord. Strategie criminali e contesti locali"

Vai alla scheda

Messaggio
  • Direttiva UE sulla e-Privacy

    Questo sito web utilizza dei cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e altre funzioni. Cliccando sul pulsante in basso acconsenti all'attivazione di tali tipologie di cookies da parte di questo sito.

    Leggi la direttiva UE sulla e-Privacy

In vendita in tutte le librerie italiane il volume:

Il cambiamento possibile

La sanità in Sicilia tra Nord e Sud

Copertina Il cambiamento possibile

Fondazione Res

A cura di Emmanuele Pavolini

Donzelli Editore

 

Scarica l'indice

 

 

 

 

 

Nell’ultimo ventennio la sanità è diventata l’attività di maggior rilievo – sia in termini di competenze che di spesa – delle Regioni. Quali conseguenze ne sono derivate per la finanza pubblica e per la qualità delle prestazioni? Le distanze tra le Regioni si sono ridotte o sono invece aumentate? E che effetto hanno avuto i recenti tentativi del governo centrale di contrarre il deficit e controllare la spesa?
 
Partendo dall’esperienza emblematica della Sicilia, la ricerca della Fondazione Res ha messo a confronto Regioni del Sud e del Centro-nord. Non solo il divario tra le due aree è marcato, ma è cresciuto nel tempo, sia dal punto di vista finanziario che delle prestazioni offerte. Nelle Regioni meridionali la sanità è arrivata a svolgere maggiormente funzioni improprie, più legate alla creazione di occupazione e alla distribuzione di risorse pubbliche per motivi di consenso politico, che alla sola promozione della salute e della cura. Questo fenomeno ha coinvolto una molteplicità di attori: dagli amministratori pubblici ai professionisti del settore (in primis i medici) alle imprese private erogatrici di servizi.
 
Questo scenario è stato messo in discussione negli ultimi anni dal tentativo dei governi nazionali di porre sotto controllo la spesa regionale con lo strumento dei Piani di rientro. Non tutte le Regioni hanno però risposto secondo le attese ai nuovi vincoli (che prevedono tra l’altro sanzioni fiscali per i contribuenti). In alcuni casi gli amministratori locali hanno utilizzato consapevolmente i Piani per cercare di ristrutturare i propri sistemi sanitari, in altri casi hanno deciso di limitarne la portata. Su questi esiti hanno pesato molto le scelte strategiche delle leadership politiche maturate nei diversi contesti. Quanto avvenuto in Sicilia è particolarmente significativo. In pochi anni si stanno riportando sotto controllo i conti di una delle Regioni con più elevati deficit e con forti inefficienze. Dunque, il cambiamento è possibile, anche nei contesti più disagiati. Resta però da vedere in che misura si estenderà anche alla qualità delle prestazioni per i cittadini.