Cessione del Quinti Compass: Simulazione, Preventivo, Tassi e Calolo Rata, Opinioni e Recensione

La Cessione del quinto Compass è un particolare tipo finanziamento, richiedibile da diverse categorie di soggetti (dipendenti, sia pubblici che privati, e pensionati), ma concesso per un importo non superiore al 20% del reddito netto (stipendio o pensione) del richiedente. La restituzione del prestito avviene mediante decurtazioni mensili, applicate sullo stipendio e sul cedolino della pensione, operate rispettivamente dal datore di lavoro e dall’Inps.

La particolarità della Cessione del quinto Compass, a differenza delle altre forme di prestito personale, è la possibilità di ottenere in finanziamento un importo molto più alto. Precisamente, l’importo massimo che può essere richiesto in prestito con la cessione del quinto Compass è di euro 75.000,00. Le singole rate sono di importo fisso e sono predeterminate al momento della stipulazione del contratto di finanziamento.

La durata minima del finanziamento è di ventiquattro mesi mentre la durata massima è di dieci anni. Viene comunque data la possibilità al richiedente il prestito di poter estinguere in qualsiasi momento, e prima della scadenza prevista, il finanziamento contratto con Compass. Si tratta di un tipo di prestito che rientra tra quelli garantiti: è prevista da parte della società una protezione assicurativa per l’ipotesi di morte o di perdita del lavoro. Non è richiesto, invece, al dipendente/pensionato di fornire una specifica garanzia. È sufficiente che sia destinatario di uno stipendio o di una pensione (nel caso di dipendenti di azienda privata si richiede semplicemente che questa versi in una situazione assicurabile).

Chi può richiedere la Cessione del quinto Compass

Se il richiedente è un dipendente pubblico, è richiesto che abbia residenza all’interno del Paese, che abbia un’età compresa tra i 18 e 63 anni e che la sua assunzione sia avvenuta a tempo indeterminato. Nel caso di dipendenti privati, oltre ai requisiti sopra indicati per i dipendenti pubblici, è richiesto che l’azienda per cui lavorano sia assicurabile. L’assicurabilità di un’azienda implica che l’assicurazione abbia espresso un giudizio positivo sull’azienda, posto che sarà quest’ultima a trattenere ogni mese dalla busta paga del proprio dipendente l’importo corrispondente alla rata della cessione del quinto che andrà poi corrisposta alla Compass.

Se a richiedere la cessione del quinto è un pensionato, occorre che non abbia un’età superiore ai 79 anni alla data in cui richiede il prestito e che non avrà un’età superiore a 85 anni al momento in cui lo dovrà restituire. È necessario, però, che la parte residua della pensione, che rimarrebbe nelle tasche del richiedente a seguito dell’applicazione del netto cedibile, non sia d’importo superiore a euro 507,42.

La Cessione del quinto non può essere richiesta dai lavoratori autonomi.
Non costituiscono, invece, motivi ostativi alla concessione di tale finanziamento l’aver avuto in passato problemi con la restituzione dei prestiti poiché, per l’erogazione della cessione del quinto, non vengono eseguiti controlli in merito alla posizione debitoria del richiedente.

La simulazione della cessione del quinto Compass: tasso applicato e possibilità di preventivo online

Per conoscere il finanziamento ottenibile, è possibile ricorrere al simulatore messo a disposizione sul sito della Compass (utilizzabile fino ad importo inferiori o pari a 30.000,00 euro). È sufficiente indicare la somma che si desidera ricevere in prestito e il termine entro cui s’intende rimborsarla. Inseriti questi dati, il sistema determina l’importo della singola rata e gli interessi dovuti. Al termine della simulazione, il sito indica anche il “tasso annuo nominale” (TAN) ed “tasso annuo effettivo globale” (TAEG). Quest’ultimo è il tasso d’interesse che va considerato se si vuole avere un’idea complessiva dei costi del finanziamento.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.