Mutuo Ipotecario: Significato, per Liquidità, Come Funziona e Calcolo Rata

La quasi totalità dei risparmiatori dispone di conoscenze estremamente limitate per quanto riguarda mutui e finanziamenti sino al momento di recarsi nella filiale della banca di fiducia per presentare richiesta di accesso al credito. L’errore che si commette in questo modo è davvero molto ingenuo: non occorre affatto essere laureati in economia per comprendere i meccanismi di base che regolano un finanziamento, ma accettando a scatola chiusa la soluzione proposta si rischia di vincolarsi per anni a condizioni economiche potenzialmente sfavorevoli.

Quando si parla di mutui, le condizioni applicate dagli istituti di credito possono variare notevolmente e le soluzioni disponibili sono diversificate in base ad esigenze di credito e livello di rischio. Prima di presentarsi alla banca di fiducia è perciò fondamentale aver confrontato le offerte sul mercato e soprattutto essersi fatti un’idea di come funziona un mutuo e per quali finalità può essere richiesto. In questo articolo andremo ad analizzare nel dettaglio le caratteristiche del mutuo ipotecario e il suo funzionamento.

Mutuo ipotecario: come funziona e come richiederlo

Il mutuo ipotecario è in assoluto la soluzione di finanziamento più richiesta da persone fisiche in Italia. Si tratta di un contratto di prestito a medio-lungo termine della durata complessiva compresa tra 5 e 30 anni, solitamente richiesto per acquistare o ristrutturare un immobile. Si parla di mutuo ipotecario in quanto a garanzia della somma erogata viene posta un’ipoteca su un bene immobile di proprietà del richiedente, nella maggior parte dei casi quello oggetto di acquisto. Ciò significa che in caso di insolvenza l’istituto di credito che ha concesso il prestito potrà far valere il cosiddetto ‘diritto di rivalsa’ sul bene posto come garanzia, ovvero espropriarlo, disporne liberamente e solitamente venderlo per recuperare il capitale.

La sottoscrizione di un mutuo è preceduta da un’analisi del merito creditizio del consumatore da parte dell’intermediario, ovvero della sua affidabilità come pagatore stimata sulla base di garanzie quali la presenza di un’occupazione fissa, il possesso di altri beni mobili ed immobili e i redditi dichiarati nell’ultimo periodo. Accertata la presenza delle condizioni di solvibilità viene concordato il piano ammortamento. In questa fase avviene la scelta della tipologia di tasso di interesse applicato: si parla nello specifico di mutui a tasso fisso e a tasso variabile. Vediamo nel dettaglio vantaggi e svantaggi di ciascuna opzione di finanziamento:

  • Mutuo ipotecario a tasso fisso: il creditore corrisponde all’istituto di credito sempre lo stesso interesse, indipendentemente dall’andamento dei mercati e dell’inflazione. Si tratta della soluzione che garantisce maggiore sicurezza: si è certi dal momento della sottoscrizione dell’esatto ammontare del debito da restituire e degli importi delle singole rate.
  • Mutuo ipotecario a tasso variabile: il valore della rata varia sulla base dell’andamento di un parametro di indicizzazione stabilito nel contratto (EURIBOR a 3 o 6 mesi) che rispecchia le oscillazioni dei tassi di interesse. Una soluzione di questo genere presenta condizioni di base meno onerose ma comporta rischi nel caso di picchi di inflazione e turbolenze sui mercati.

Mutuo ipotecario per liquidità: cos’è e quando conviene

Un mutuo ipotecario può essere richiesto anche quando si è già proprietari di un immobile (sul quale verrà posta l’ipoteca) e si necessita denaro per finanziare un progetto (far studiare i figli in un ateneo privato, sostenere ingenti spese sanitarie ecc.).

Il tasso di interesse applicato in questo caso è molto più basso rispetto ai prestiti personali ottenuti tramite società finanziarie; tuttavia le dispendiose pratiche burocratiche (occorre rivolgersi ad un notaio) e il non trascurabile rischio di perdere la casa rendono questa formula di finanziamento consigliabile solo per importi elevati, in genere superiori ai 50.000€.

Se sceglierai di intraprendere la strada del mutuo ipotecario non dimenticare procedere ad un confronto delle migliori soluzioni disponibili attraverso portali di comparazione, dove le proposte dei vari istituti di credito vengono ordinate sulla base di indici sintetici del costo complessivo. In questo modo potrai farti un’idea e non venire colto impreparato quando il consulente bancario inizierà ad illustrare le condizioni economiche.

Vota Questo Articolo

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.