Mutuo Ristrutturazione: I migliori Mutui per Ristrutturare Casa, Come Funziona, Offerte e Consigli

Il mutui per ristrutturazione, soprattutto nel nostro Paese, rappresentano ancora un prodotto finanziario al quale una parte ancora marginale di famiglie decide di affidarsi. Su una scala di circa 100 mutui richiesti, una percentuale risibile, solo il 6%, è costituita da mutui intrapresi per ristrutturare il proprio immobile. Contrariamente a quello che si potrebbe erroneamente credere, l’iter per aprire un mutuo per ristrutturazion èe, per connotati e caratteristiche, pressoché identico a quello di un muto gergalmente ritenuto tradizionale.

Ma quali sono le caratteristiche del mutuo di ristrutturazione?

Primo vantaggio menzionabile à dato dalla possibilità che esso possa essere richiesto o dal proprietario singolo o dai proprietari che sono già in possesso dell’immobile da trattare. Seconda caratteristica del mutuo di ristrutturazione è la sua mera finalità, ossia quella di ampliare, ristrutturare o intervenire in alcuni punti di qualsiasi immobile che richieda interventi simili. L’importo che verrà quindi erogato dall’istituto di credito al quale si si rivolge andrà a coprire percentuali variabili dei costi che l’impresa costruttrice dovrà attuare all’atto della stessa ristrutturazione. Ovviamente, la percentuale è legata a filo doppio alla singola banca. Più i generale, le percentuali concesse si aggirano in un range di valori compreso tra il 40 ed il 70%. La somma di denaro che, tramite il mutuo per ristrutturazione, si intende chiedere, dovrà essere motivata tramite un documento la cui funzione è quella di attestare su carta sia il preventivo completo dei lavori da eseguire sia un computo metrico estimativo.

L’erogazione del mutuo per ristrutturazione può avvenire, in alternativa, in una unica soluzione oppure quando i lavori si trovano già in uno stato piuttosto avanzato. La prima tipologia di mutuo viene solitamente erogata quando gli interventi da fare sull’immobile sono di entità minore, mentre per ciò che concerne quelli erogati a stato avanzato dei lavori la situazione è relativamente differente. Il mutuo a stato avanzato dei lavori riguarda infatti lavori che, per loro natura e per loro connotati, sono correlati al rifacimento pressoché totale degli immobili. Scendendo ancora di più nel particolare e volendo snocciolare ulteriormente quelle che sono le cifre, mutui che non superino la somma di 70.000 euro vengono solitamente erogati mediante un’unica soluzione. Per i mutui che invece superano tale soglia economica, l’esborso di denaro proveniente dalla banca sarà erogato a più intervalli. Che si tratti di un caso o di un altro, la banca renderà disponibile la somma al mutuatario direttamente all’interno del proprio conto corrente, sbloccando tuttavia il finanziamento solo e soltanto dopo la presentazione della fattura dei lavori.

Particolare, questo, che non costituisce affatto un qualcosa di secondaria e risibile importanza, visto che in questo modo l’istituto di credito porterà ai minimi termini il rischio che il soggetto del muto pecchi di insolvenza. Prima di sbloccare quelle che sono le singole parti del mutuo, la bamca vorrà man mano procedere a controllare, servendosi di un perito di propria fiducia, lo stato reale dei lavori. Nel frattempo che le tranche vengono devolute dalla banca, colui che ha fatto richiesta del mutuo per ristrutturazione deve corrispondere una rata a scadenza mensile che ammonta ad 1/12 dell’interesse annuale stabilito in sede di sottoscrizione del mutuo. A lavori completati, la banca erogherà l’ultima tranche del finanziamento. 

I migliori mutui per ristrutturazione

In quella che è la vasta gamma dei mutui per ristrutturazione offerti, quelli che risultano essere i migliori sono:

Mutuo a Tasso Fisso di Unicredit

Si tratta di un mutuo che vede la sua massima praticità indipendentemente dal fatto che venga richiesto per l’acquisto, la surroga o appunto la ristrutturazione di un immobile a scopo abitativo. I tassi offerti da questa particolare tipologia di mutuo sono i seguenti:
– per quello che riguarda mutui che non superino i 10 anni, il tasso applicato è del 1,80%;
– per mutui che vanno invece dagli 11 ai 20 anni, il tasso applicato ammonta al 3%;
– infine, per mutui la cui durata sia compresa tra i 21 ed i 30 anni, il tasso che verrà applicato sarà del 3,30%. L’importo del mutuo a Tasso Fisso firmato Unicredit può raggiungere il 50% sia del valore dell’immobile che si intende acquistare sia di quello che è il valore corrente dell’immobile che viene posto in garanzia e che deve essere ristrutturato. La sospensione del pagamento delle rate, altra possibilità conferita al mutuatario, può comprendere un arco temporale massimo di 12 mesi. Tale sospensione può essere richiesta una volta soltanto e non deve concernere l’ultimo anno di pagamento del finanziamento in questione. Fattibile è anche il posticipo del pagamento delle rate, con un massimo di tre rate anche non consecutive tra loro. In ultimo, non in ordine di importanza tuttavia, l’importo della rata può essere decurtato allungando il piano di ammortamento fino ad arrivare a 48 mesi oltre la scadenza originaria.

Mediolanum Riparti Italia

Questo mutuo, targato Banca Mediolanum, può essere richiesto qualora tu sia titolare di un conto corrente presso codesto istituto di credito. Il mutuo Riparti Italia di Mediolanum è un mutuo a tasso variabile , con il calcolo che avviene sulla base del patrimonio: Spread + Euribor 360 a 3 mesi. Qualora quest’ultimo parametro sia, dopo accurata rilevazione, caratterizzato da segno negativo, il tasso a scadenza annuale che verrà applicato per il trimestre di riferimento sarà comunque pari allo spread contrattuale. Quelle che sono le caratteristiche fondamentali di questo mutuo possono essere elencate come segue:
– il finanziamento richiedibile può andare dai 4.000 fino ad un massimale di 100.000 euro;
– le rate del mutuo possono essere spalmate all’interno di un range temporale compreso tra i 12 ed i 120 mesi;
– l’imposta sostitutiva di bollo è dello 0,25%;
– l’invio di qualsiasi comunicazione da parte della banca è gratuito, così come gratuite sono le spese legate all’incasso della rata;
– tra i servizi facoltativi è compresa una polizza assicurativa a protezione del credito;
– le spese di istruttoria ammontano all’1% della somma richiesta;

Mutuo Domus di Intesa Sanpaolo

Tramite Mutuo Domus puoi scegliere tu il tasso, fisso o variabile, che più si addice a quelle che sono le tue necessità. In base all’entità del lavori, potrai ottenere somme anche oltre i 100.000 euro. Qualora, al momento della ristrutturazione, i lavori da effettuare siano di piccola entità, l’erogazione della somma avverrà al momento stesso della sottoscrizione. La durata massima del finanziamento può raggiungere i 30 anni, con una percentuale dei costi del lavori che può toccare un massimo dell’80%. Percentuale, questa,che supera di gran lunga quella conferita dai mutui promossi da molte altre banche. Allorché insorgano gravi eventi che compromettano il regolare pagamento delle rate del mutuo, puoi tutelare te e la tua casa con le soluzioni offerte da Intesa Sanpaolo Assicura. Nel caso in cui tu optassi per la stabilità del Tasso Fisso, i tassi rimarrebbero invariati per tutta la durata del mutuo, con Multiopzione che, al contrario, ti darà l’opportunità di scegliere, dopo 3 o 5 anni, l’entità del tasso da applicare successivamente a questo periodo. Se vuoi, di contro, godere del tasso variabile, nel Piano Base le rate sono soggette a variazione provocata dall’adamento del parametro di indicizzazione. Per la Multiopzione, invece, puoi scegliere ogni 3 o 5 anni il tasso da applicare, scegliendo ancora tra fisso o variabile. Ultima opzione elencabile per il Tasso Variabile è il cosiddetto “CAP di tasso”, un tetto massimoo deciso sul tasso di interesse, mutevole o per l’intero piano di rimborso o solo per la prima frazione del decorso.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.