Tassi Mutui: i Migliori Mutui a Tasso Fisso o Variabile di Oggi

Se devi acquistare casa ed hai la necessità di contrarre un mutuo, dovrai valutare qual è il più conveniente, tenuto conto delle diverse soluzioni possibili, rispetto alle esigenze tue e della tua famiglia.In particolare, sarà opportuno che passi al vaglio i mutui a tasso fisso ed a tasso variabile presenti nel mercato attuale, così da scegliere, coscientemente, il mutuo le cui rate influiscano, nella misura minore possibile, sul tuo budget annuale e mensile. Con questa guida cercherò di supportarti, dandoti alcune indicazioni fondamentali, al fine di individuare la soluzione di mutuo perfetta per te, sulla base delle tue necessità del momento.

Innanzitutto devi sapere che questo è un momento molto favorevole per comprare casa, dato che i tassi applicati ai mutui, sia fissi che variabili, sono ai livelli più bassi mai riscontrati nella storia dei finanziamenti.Questo è uno degli effetti principali dovuti alla crisi economica globale che, se da un lato ha prodotto effetti devastanti per gli investimenti nel mercato della borsa, dall’altro ha influenzato positivamente il mercato immobiliare, in particolar modo per chi si appresta ad acquistare casa.

TASSO FISSO O TASSO VARIABILE, QUALE CONVIENE?

MUTUI A TASSO FISSO

Partiamo dalla premessa secondo cui, in Italia, si predilige il ricorso ai mutui a tasso fisso, probabilmente per la tranquillità che ne deriva dal fatto che la rata di mutuo non subisce variazioni dal momento in cui viene sottoscritto il contratto di mutuo, sino alla data prevista per la scadenza dello stesso e conseguente risoluzione. Chiaramente, quando si parla di mutui, non devi fare l’errore di considerare esclusivamente il tasso, ma devi tener conto anche di altre variabili, quali le spese istruttorie e le spese di perizia.

Facendo una comparazione tra le diverse soluzioni di mutuo possibili attualmente, considera l’ipotesi dell’acquisto di una casa a Roma del valore di 120.000 euro, con un mutuo pari a 100.000 euro, della durata di venticinque anni. Banca Intesa Sanpaolo ti permette di stipulare un contratto di mutuo, la cui rata mensile è pari a circa 530 euro, con spese istruttorie di 1.150 euro e spese peritali pari a 320 euro, soluzione decisamente molto conveniente.

Questa soluzione si chiama MutuoUP e puoi richiedere un ulteriore 10% all’occorrenza, se devi sostenere eventuali altre spese, ad esempio se devi acquistare degli arredi o se vuoi ristrutturare totalmente o parzialmente l’abitazione acquistata. Questo mutuo, oltre ad essere particolarmente appetibile perchè ti permette di sopportare una spesa particolarmente ridotta, presenta un’altra peculiarità molto importante: si tratta dell’elasticità, grazie alla quale potrai chiedere che il mutuo venga sospeso al ricorrere di determinate circostanze e potrai altresì richiedere l’apporto di modifiche contrattuali, circa la durata del mutuo.

MUTUI A TASSO VARIABILE

La stessa banca Intesa, consente di fare anche un mutuo a tasso variabile, il MutuoUP Variabile Euribor, che prevede il pagamento di una rata mensile di circa 435 euro, e di spese istruttorie pari a 1.150 euro, mentre quelle peritali ammonterebbero a circa 320 euro. Anche in relazione a questo contratto valgono le stesse prerogative, per quanto concerne elasticità e modificabilità delle condizioni del contratto, a seconda delle tue esigenze.
Esattamente alla stregua di quella proposta in precedenza, anche questa soluzione sembra essere molto conveniente in questo momento storico.

Nonostante la premessa relativa alla maggiore propensione, in Italia, al ricorso ai mutui con tassi fissi, allo stato attuale risultano essere, in realtà, più economici i mutui a tasso variabile e, anche laddove dovesse esserci un aumento di questi ultimi, tieni presente che avverrebbe con tempistiche molto lente e probabilmente questo non avrà luogo prima del prossimo anno. Infatti ormai da 4 anni, l’ Euribor (tasso di interesse previsto a livello europeo, alla cui variabilità sono legate le variazioni dei tassi dei mutui a livello nazionale) è sottratto allo spread bancario. Una risalita potrebbe essere messa in conto laddove tornassero a valori superiori i tassi della BCE, oppure laddove si verificassero dei problemi di liquidità delle banche.

Allo stato attuale sono comunque, entrambe, possibilità piuttosto remote, pertanto ti consiglio di prendere in seria considerazione l’eventualità di fare un mutuo a tasso variabile.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.